Tag:psicologia

Qualcuno ha detto che gli organi di senso sono le nostre “finestre aperte sul mondo”. Questa  espressione ci permette di cogliere la natura della percezione. La percezione, infatti, che è stata definita come la base della conoscenza del reale, costituisce il processo con cui la nostra mente entra in comunicazione con tutto ciò che le proviene dal mondo esterno.

Ma non si tratta di una rappresentazione  per così dire “fotografica” della realtà esterna: i dati sensoriali vengono da noi organizzati secondo una necessità finalistica.

Leggi tutto...  

I fatti psichici sono espressione dell’attività dell’individuo e tale attività non è solamente interna, ma si svolge in un ambiente dove l’individuo vive ed agisce. Non si può intendere l’individuo se non considerandolo in relazione con un certo ambiente, anche fisico, come per esempio non si può comprendere la vita di un pesce senza tener conto che vive nell’acqua, quella di un uccello senza riferirsi all’aria, ecc.

Leggi tutto...  

Ho sentito spesso dire: “quanto siamo complicati!” o “non siamo tutti uguali!” Queste sono delle grandi verità! E’ vero…il soggetto umano è complicato e ognuno è diverso dall’altro (per fortuna!) perché le variazioni psichiche di ognuno di noi sono dovute al carattere, al sesso, allo sviluppo nell’età evolutiva e alle influenze dell’ambiente. Ogni uomo presenta dei caratteri originari, dei caratteri acquisiti e dei caratteri misti che, nel loro insieme, formano la “personalità individuale”.

Leggi tutto...  

Psicologia: E' la scienza che studia il comportamento degli individui e i loro processi mentali. Tale studio riguarda le dinamiche interne dell'individuo, i rapporti che intercorrono tra quest'ultimo e l'ambiente, il comportamento umano e i processi mentali che intercorrono tra gli stimoli sensoriali e le relative risposte.
Psicologo: Uno psicologo non ha una formazione medica, ma come studioso della psiche umana è in grado di consigliare le persone nei periodi critici meglio dei medici generici. Non può prescrivere farmaci.
Psichiatria: E' la branca della medicina che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione dei disturbi mentali dal punto di vista teorico e pratico.
Psichiatra: Uno psichiatra è un medico e, in quanto tale, è in grado di fare diagnosi e di prescrivere farmaci per qualunque tipo di malattia; la sua specializzazione, tuttavia, è nei disturbi e malattie di origine mentale.
Psiche: Complesso delle funzioni che consentono all'individuo di formarsi un'esperienza di sè e del mondo.
Psichismo: Complesso di attività o fenomeni di natura psichica
Psicanalista: Gli psicanalisti sono cosi chiamati perché trattano i disturbi mentali sondando, portando alla luce e analizzando i contenuti inconsci (oltre a quelli consci) della psiche dei propri pazienti, Lo psicanalista deve superare un lungo addestramento specifico; può non essere un medico.
Psicoterapia: È un termine che indica la cura dei disturbi mentali principalmente mediante suggestione, analisi, ecc. Ciascuna di queste forme terapeutiche può essere accompagnata o no da altre. Può essere praticata dai medici generici oltre che dagli specialisti di problemi psicologici .
Psicotico: L'individuo è diventato psicotico se ha perso contatto con la realtà o se (occasionalmente o sempre) è incapace di comportarsi in modo razionale. (Il nevrotico è particolarmente suscettibile allo stress mentale o emotivo; per esempio può deprimersi facilmente, o avere una paura irrazionale e invincibile dei viaggi aerei o dell'incontro con persone estranee. Ma questo disturbo non raggiunge mai livelli tali da fargli perdere il contatto con la realtà).
Psiconevrotico: E' l'individuo che vive un conflitto psichico tra l' "inconscio" e l' "io cosciente "
Psicopatologia: Disciplina che studia la possibile origine psichica delle malattie mentali.
Psicosomatico: Un disturbo psicosomatico è una forma morbosa fisica causata da un problema mentale o emotivo.
Psicopatico: Lo psicopatico può apparire e comportarsi in modo normale, ma è mentalmente o emotivamente irresponsabile e il suo comportamento è cronicamente antisociale, spesso in modo pericoloso.

 

Ogni uomo manifesta, nel suo comportamento, l’impulso a mettersi in valore, in confronto agli altri e a dominarli. Ciò è dovuto all’istinto di potenza che può assumere i più vari ed insospettati travestimenti, persino opposti, rispetto al fine a cui il desiderio originariamente tende. Nulla sembrerebbe più estraneo all’istinto di dominare gli altri nelle moine dei bambini, delle loro graziose trovate e dei loro capricci, mentre nascono dal desiderio inconscio del bambino di sottomettere a sé l’adulto e di dominarlo, nascono dalla debolezza e dal bisogno che il fanciullo ha di essere nutrito e assistito dall’adulto. Da questo impulso naturale provengono i conflitti di superiorità tra genitori e figli.

Leggi tutto...  

Alcuni stati affettivi, intermedi tra piacere e dolore, sono più propriamente detti “emozioni” e “sentimenti”. L’emozione viene definita come uno stato affettivo provocato dalla reazione dell’organismo ad uno stimolo che, per la sua intensità, può giungere ad essere rappresentato dalla coscienza. Il sentimento è anch’esso uno stato affettivo ma può presentarsi alla coscienza diversamente dall’emozione perché è lento a formarsi ed è duraturo.

Leggi tutto...  

Se dovessimo limitare la nostra esperienza al fuggevole istante, se la vita psichica dovesse mancare di continuità nel tempo, essa sarebbe ben poca cosa o meglio non avrebbe quel compito direttivo nella vita dell’individuo che invece le dobbiamo attribuire. Ecco perchè si deve riconoscere il carattere di condizione generale alla “memoria” che è la capacità di conservazione delle nostre esperienze mentali.

Dirò di più: la memoria è la disposizione a conservare traccia di operazioni e di stati psichici una volta che si sono avverati. Non vi è esperienza psichica, positiva o negativa, che si dilegui, nessuna che non lasci testimonianza o segno di sé nel soggetto in cui è avvenuta. Ciò sta a dimostrare la continuità della vita psichica.

Leggi tutto...  

Tutto il contenuto della nostra esperienza si presenta a noi in forma di immagini o di rappresentazioni di quanto si sta attualmente percependo o di quanto si è altre volte percepito e questo viene detto contenuto immaginativo. Il contenuto immaginativo della coscienza si differenzia dal contenuto puramente percettivo. Mentre questo è intimamente collegato agli stimoli sensoriali e alla loro presenza, il contenuto immaginativo non vi è che indirettamente collegato poichè gli stimoli non intervengono direttamente a determinarlo.

Leggi tutto...  

Aiutando la persona a mettere in atto parti del proprio sogno come aspetti della propria esistenza attraverso un' elaborazione del sogno come fatto presente e non come storia passata e nemmeno come base per l'interpretazione, il sogno diventa il punto di partenza di un'esperienza completamente nuova poiché tutte le componenti del sogno, grandi o piccole, umane o meno, sono rappresentazioni di colui che sogna. Il sogno è un palcoscenico su cui fare contatto in modo tale da dare l'immagine dell'esistenza attuale dell'autore del sogno.
Il sogno è l'espressione più spontanea dell'esistenza dell'essere umano, il sogno è il nostro messaggio esistenziale perchè sognare significa scrivere la nostra storia, raccontare cose di noi stessi.
Il sogno è l'enunciazione di chi siamo.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>
Powered by Tags for Joomla

Chi sono

Sono nata a Latina nel 1976 e dopo aver sostenuto la Maturità Classica e la Maturità Magistrale ho conseguito nel 2000 la Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità presso l'Università La Sapienza di Roma. Abilitata all'esercizio della professione e iscritta all'Albo degli psicologi del Lazio con n° 10689, mi sono specializzata in Psicoterapia della Gestalt ottenendo il riconoscimento all'esercizio dell'attività psicoterapeutica. Sono inoltre esperta in Psicologia Giuridica e Mobbing. Ho seguito percorsi di terapia individuale, di gruppo e di supervisione senza i quali non avrei potuto sperimentare me stessa né conoscere approfonditamente tutte quelle parti di me che nel mio lavoro vengono frequentemente solleticate. Pronta a mettermi in discussione sempre,

 

imparo costantemente
dai miei pazienti
quanto l'Essere Umano sia indiscutibilmente
Unico e irripetibile
nel suo viversi

 

Maggiori informazioni di me sono reperibili sul mio curriculum vitae.

 

Notizie

[1 ottobre 2012] Lo Studio di Psicologia e Psicoterapia della Dott.ssa Giorgia Di Giacomo si è trasferito in Latina, via Ecetra, 6

[19 settembre 2011] Rinnovato il sito internet dello Studio di Psicologia e Psicoterapia della Dott.ssa Giorgia Di Giacomo

 

Contatti

04100 - Latina - Via Ecetra, 6

Cell. 342 368 22 47

giorgiadigiacomo@live.com